Quando arte, tecnologia e autismo creano splendide fusioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

“La tecnologia può essere un inizio importante, anticipando magari la visita in presenza allo spazio museale. Quelle paure che possono sorgere nel museo, potrebbero non svilupparsi con un primo approccio virtuale e permettere agli educatori di conoscere l’autismo anche con questa modalità. Apriamoci attraverso la rete, impariamo con un video”. Sono le parole di Roberta Biondini, giovane artista laureata all’Accademia delle Belle Arti Carrara di Bergamo, che ha parlato delle esperienze vissute in prima persona sul tema dei disturbi dello spettro autistico. 

E l’arte e la tecnologia possono costituire un supporto proprio in tal senso: “Cambiare, fare qualcosa di diverso, è una ricchezza che normalmente non ci viene proposta, conoscerci attraverso uno schermo può rappresentare una nuova apertura che ci aiuta a superare distanze e differenze”, ha affermato l’artista. 

contattaci

Resta in contatto per conoscere le ultime news dal mondo dell'arte!

sede operativa

Social Networks

contattaci

Resta in contatto per conoscere le ultime news dal mondo dell'arte!

sede operativa

Social Networks

Copyright © 2017-19 ENJOYMUSEUM s.r.l.
P.IVA 02465170039 - REA NO-238052 - CAP. SOC. 466.799,26 EUR i.v.
Sede legale Rotonda Massimo d'Azeglio 11, 28100 Novara - pec enjoymuseum@pec.it
tutti i diritti riservati

Contattaci