Giovanni Segantini
La Natura

Capolavoro assoluto della grafica fine secolo, “La natura” è un disegno di presentazione che riprende fedelmente la tela centrale del Trittico della Natura, conservata al Museo di St. Moritz, a cui Segantini stava ancora lavorando quando improvvisamente morì. Delle tre opere su tela, “La Natura” è la maggiore per dimensioni ed è quella iniziata nel 1896, prima che l’artista decidesse di affiancarla alle altre due per creare il “Trittico” destinato all’Esposizione Universale di Parigi del 1900. Oltre a questo, rinvenuto soltanto negli ultimi vent’anni, Segantini aveva realizzato una complessa serie di disegni di presentazione raffiguranti le tre immense tele con un corredo di allegorie aggiuntive nonché con le loro cornici caratterizzate da rappresentazioni della vegetazione alpina. L’apparizione dell’allegoria costituisce una vera e propria svolta nell’immaginario dell’artista in sintonia con l’orientamento del simbolismo europeo. Le allegorie programmate erano destinate ad affiancare le grandi tele, una di questa è il Rodendro. La potete ammirare vicino alla “Natura”: rappresenta il fiore alpino di fine estate nelle alture quale figura nuda di proporzioni preraffaellite e quindi funge da allegoria della stagione. Ammirate le gradazioni di grigi e di neri che ricreano il grande paesaggio e l’infinita varietà del tratto riscontrabile sia nel grande disegno che in “Rododendro”.


1898
Gessetto bianco e matite dure su carta giallina, 797 × 1378 mm


Collezione privata

Play Video

Contattaci